Gli homecoming, i balli delle scuole americane ed i figli che crescono

homecoming-9th-parentsLe mamme degli adolescenti americani e le mamme degli adolescenti italiani e stranieri che vivono in questo periodo negli USA, sono tutte accomunate da una cosa.

In questo periodo nelle scuole americane di celebra l’Homecoming e  per molte e` la prima volte che ci si rende conto che il proprio figlio o figlia sta crescendo. Continua a leggere “Gli homecoming, i balli delle scuole americane ed i figli che crescono”

Espressioni strane della lingua inglese..

http://wilsworldofwords.com/

Dopo un po’ di anni che si vive in un paese straniero, ci abituiamo alle espressioni idiomatiche del linguaggio e molte volte non ci fermiamo nanche piu` a cercare di capire perche` dicono cosi` e da dove arrivi una certa espressione. L’espressione entra pure a fare parte del nostro vocabolario e la cominciamo ad usare con molta naturalezza.
La lingua inglese e` ricchissima di espressioni idiomatiche.
Mi ricordo la prima volta che ho sentito l’espressione “it’s raining cats and dogs” che sarebbe il nostro “piove a catinelle”… ora se piove a catinelle per me piove gatti e cani
Un’altra espressione che, quando l’ho sentita per la prima volta, non l’ho capita e` stata ” Kitty’s corner” che vuol dire “diametralmente dalla parte opposta” . La mia vicina l’ha usata indicando una casa ed io ho pensato che la signora che abitava li` si chiamasse Kitty.
Ho trovato un interessantissimo blog che si intitola Wil’s World of Words, English for advanced Learners, che vi consiglio per risolvere molti dubbi sui maledettissimi idiomi.
Io invece vi lascio con due espressioni che ho sentito per la prima volta pochi giorni fa e se pure ho capito cosa vogliono dire mi lasciano comunque a bocca aperta.
1) Wife beater che e` la canottiera a costine bianca per uomo. 
Il termine e` lagato a quello di James Hartfrd, Jr. un tipaccio di Detroit che nel 1947 uccise la moglie a botte. Le foto dell’epoca lo ritraggono con una canottiera bianca piena di macchie e da allora il termine e` diventato sinonimo di canottiera ( non e` una gran bella storia vero?)
2)” to go Commando”, cioe` uscire senza mutande. Origine dubbia, ma probabilmente derivata da un uso militare, sinonimo di essere pronti all’azione….. Nelle ultime settimane l’espressione e` ritornata in auge nella pubblicita` di una nota CARTA IGIENICA che invita ad andare in giro senza mutande dopo essersi puliti il ….con l’azione “grattante” del loro prodotto.

 Se volete potete anche partecipare alla sfida su FB e vi manderanno un kit “a gratis”.
In un paese senza bidet….
Ah, il mondo e` bello perche` e` vario!
Mi aiutate a stilare un dizionario di espressioni in Inglese che avete incontrato e che vi hanno stupiti?
Mi piacerebbe aggiungere una pagina al mio blog con esse, sarebbe un aiuto grandissimo per chi sta imparando l’inglese!

PS: la pagina e` stata aggiunta ed e` in continua evoluzione, anche per l’aiuto che i miei lettori mi stanno dando

E` di nuovo tempo di Auguri!

E` trascorso un altro anno: e` di nuovo tempo di auguri!
Ve li faccio con tutto il cuore: siete stati con me, mi avete sostenuta quando sono stata in crisi per il lavoro, avete gioito con me delle piccole cose che fanno felici tutte le mamme, abbiamo riso insieme delle manie americane, ma abbiamo anche imparato nuove cose, perche` non siamo noi italiani gli unici che hanno ragione..non sempre per lo meno!
Nel 2015 il blog e` cresciuto, anche se mantiene sempre un carattere non ben definito. Il mio  blog non ricade nella categoria blog mamme e bambini, anche se ogni tanto pontifico a proposito di figli, dall’alto della mia esperienza che pero` non puo` essere molto pratica: sono datata, avendo una figlia che il primo gennaio uscira` dai teen ufficialmente.
Il mio non e` un blog di cucina, anche se ogni tanto mi lascio prendere dalla foga del mio amore per la cucina italiana, le sue tradizioni e la sua storia e condivido i miei tentativi ai fornelli, dando magari pure l’impressione di sapere quello che dico e faccio.
Il mio non e` un blog sempre personale; non e` che la mia vita sia sempre cosi` eccitante o glamour che ho da raccontarvi cose nuove ogni giorno: specialmente negli ultimi 4 mesi sono stata talmente glamour che davanti ad un computer tutto il giorno per lavoro, certe volte diventava notte prima che io facessi un doccia ( da esserne orgogliosi vero?)
Non e` neanche un blog di viaggi, forse argomento inflazionato, ma i miei post di viaggi sono stati in assoluto i meno letti anche se quelli che mi sono costati piu` fatica per scriverli. Continuero` a scriverli per me stessa, ma non ho un futuro come guida turistica!
E` il blog della mia vita, e di quello che vedo intorno a me:tratto argomenti seri quando scrivo gli editoriali per il giornale, ma cerco di stare lontano dalla politica, anche se stanno cercando di farmi scrivere delle elezioni presidenziali tentandomi” Quando ci scrivi qualcosa???” Magari mai, perche` sarebbe un post pieno di incognite e paure ( mi fermo qui..chi vuol capire capisca…)
Il 2016 sara`, per quello che ne so un anno pieno: tornero` ad insegnare in classe durante il semestre primaverile all’universita`. Sostituiro` la mia collega che ha preso un semestre di permesso per finire la sua tesi ( o come si chiama qui “dissertation”) per il suo dottorato di ricerca, quindi non solo insegnero`, ma lo faro` a tempo pieno. Visto che comunque e` un incarico temporaneo, dovro` tenere in piedi anche tutte le altre cose che avevo iniziato nel frattempo e che saranno il mio unico lavoro quando avro` finito l’insegnamento in classe. Sto parlando dei 2 corsi online che insegno per le superiori e dei due corsi online per l’universita` che sto preparando per la prossima estate.
Saro` impegnatissima fino alla fine dell’estate, probabilmente il blog ne soffrira`..di tempo per scrivere ne avro` pochissimo. Rimarrete con me vero? 

Poi ci saranno altri programmi, piu` creativi, ma quelli sono ancora in fase embrionale e vediamo dove mi porteranno.
Insomma non ho finito di imparare e di provare a fare cose nuove…spero di continuare con questo entusiasmo e vi ringrazio, perche` quando mi lasciate commenti o mi scrivete, ringranziandomi per quello che scrivo, mi riempite il cuore.
Auguro a tutti un sereno Natale: ne abbiamo bisogno vero? Se siete tornati in Italia, come noi dopo 5 anni in inverno ed uno e mezzo dall’ultima volta ( chissa` come mi sembrera` l’Italia, questo e` stato il periodo di lontananza piu` lungo dal suolo Italico) godetevi la famiglia e le vecchie abitudini, cercate di vedere le cose belle , a costo di sembrare degli idealisti e non aggiornati su cio` che non va, se invece siete rimasti nei vostri paesi di destinazione, spero che siano casa anche quelli, che le memorie che vi fate li` siano importanti per voi e per chi vi circonda.
E poi anche buon Anno! 
Saremo piu` vecchi, ma anche piu` saggi, o almeno spero!
Vi abbraccio virtualmente tutti!

A presto!
Claudia

Adattamento e condizionamenti culturali

mamma-italiana-americana-slider
italian district.com

Quando ci si trasferisce all’estero, ci si deve adattare agli usi e costumi del paese ospitante, anche se questi ci sembrano strani e certe  volte li troviamo addirittura stupidi.

Ne ho accennato nel post in cui parlavo di come qui negli USA nessuno alzi la voce e se questo succede, tutti si allarmino.
Ne ho parlato in molti altri post e come me, molti expat notano situazioni che ai nostri occhi italiani e` difficile capire.

Continua a leggere “Adattamento e condizionamenti culturali”