USA: Le case dei tre porcellini

 

Vi ricordate i tre porcellini ed il lupo che con un soffio riesce a buttare giù le case di due dei tre porcellini e l’unica che si salva è quella di mattoni? Qui negli USA il lupo ce l’avrebbe proprio facile.

Le case unifamiliari negli Stati uniti sono fatte di legno, anche in zone dove ci sono terremoti come in California e nella zona Ovest degli USA.

Vedere come si costruisce una casa negli USA è abbastanza scioccante per un italiano ed europeo.

Negli USA prima vengono fatte le fondamenta e queste sono in cemento.

Ci sono certe zone, per esempio in California, Florida e molti stati del Sud, dove le fondamenta non hanno neanche la cantina ( basement), ma le case sono costruite su piani di cemento o su piloni. Questo succede per molti motivi. La struttura di legno diventa più elastica in caso di terremoti ( California) e meno propensa a crollare, oppure le falde acquifere sono troppo superficiali per permettere un’escavazione del terreno ( Florida).

Negli Stati più Nord le case hanno le cantine. Queste rappresentano anche la parte più sicura della casa in caso di tornado, quella dove rifugiarsi.

Noi avevamo la cantina sia nella casa di Pittsburgh che in questa in Wisconsin. Qui le cantine sono quasi sempre trasformate in zone abitabili della casa. Sono fresche in estate e calde in Inverno essendo sottoterra. Molti ci mettono la zona giochi o TV, alcuni hanno anche bagno e camere da letto.

Per avere una camera da letto che sia  fatta a norma di legge, essa deve avere quella che si chiama “egress window” cioè una finestra tramite la quale sia possibile scappare in caso di incendio (parlerò dopo degli incendi).

Comunque al di sopra della base in cemento, parte il legno.  La struttura viene su abbastanza in fretta, infatti la costruzione di una casa è abbastanza rapida( quesi quasi ci vuole meno tempo a fare una casa nuova che a rifare un bagno).

Vi lascio a questo video. Credo che non servano ulteriori parole, guardatelo fino in fondo.

https://www.youtube.com/watch?v=C3iI6S7TuCA

Il 90% delle case americane viene costruito così. E questo vi fa capire anche la mia affermazione del post precedente QUI, dove sostenevo che le case sono tutte uguali, non c’è originalità e sono di gusto piuttosto antiquato. Non ho ragione?

Ma torniamo agli incendi. Gli incendi sono il maggior nemico della casa americana e anche dei suoi abitanti. Purtroppo essi sono troppo comuni: basta un corto circuito oppure un fulmine che colpisce la casa durante un temporale oppure ancora un incendio scoppiato nel garage per un problema dell’auto . Sono la causa maggiore di morti accidentali in casa negli USA.

Per questo motivo nelle case americane è d’obbligo avere i sensori antiincendio ed i bambini a scuola fanno dei corsi, tenuti dai vigili del fuoco, per sapere come muoversi in caso di incendi.

Era stato molto interessante seguirli con mia figlia. Avevo imparato tante cose. Per esempio di non chiudere le porte delle camere da letto perchè aprendole di può creare un effetto camino che fa salire ancora di più le fiamme, che bisogna abbassarsi e camminare gattoni perchè il fuoco e la temperatura sono più elevati in alto e altri suggerimenti utili. In questo link trovate i suggerimenti su come sopravvivere ad un incendio in casa .

Ecco come sono le case negli USA; ecco anche perchè se magari esse sopravvivono bene ai terremoti, non sono altrettanto resistenti ai tornado ( anche in Italia in TV fanno vedere spesso i disastri che essi posso provocare) o al fuoco.

brookfield20fire_1514929106-cbs5820980x551

Lo sapevate?

NOTA: un’amica dalla Florida mi comunica questo fatto. ” In Florida le case costruite a partire dal 2000 hanno il basement (che non viene utilizzato per cantina, ma la case partono da sottoterra) e oramai le murature esterne sono tutte in cemento. Solo il tetto e i muri interni sono in legno” Grazie!

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. ero Lucy ha detto:

    Te ne racconto un’altra sulla Florida: qui a Miami, come ti hanno detto, le case sono in cemento esattamente come in Italia e gia’ da una decina d’anni, ma sono stata a Sarasota e ho sono rimasta scioccata nel vedere queste case dagli scheletri interamente in legno! Veramente la casa dei 3 porcellini!

    "Mi piace"

    1. clapessa1512 ha detto:

      Ho letto che a Miami e` diverso, ma anche nelle case unifamiliari? Sara` per il rischio degli uragani immagino

      "Mi piace"

      1. ero Lucy ha detto:

        Si si tutte le case che ho visto in costruzione sono così.

        "Mi piace"

  2. Sono di parte sono innamorata dell America,in un mese e mezzo mi ha rubato il cuore, darei qualsiasi cosa per venire a viverci, senza moquette però.
    Ad aspen il clima è secco e le case hanno grosse travi di ferro avviticchiate e saldate come scheletro, i sottili ferri del cemento armato italiano nei terremoti si spezzano come grissini.
    Non potevo fare la carne arrostita in casa sulla padella che facevo scattare gli allarmi.
    In Italia non conosco nessuno che abbia un sistema antincendio, e anche le luci del albero spesso fanno disastri per non parlare delle stufette.
    Altra cosa che ho amato sono le scalette per accedere al piano due pioli e via, easy, la vita per gli Americani è easy, la mentalità è leggera come quei sottili tubicini a terra che corrono sul battiscopa e fanno da termosifoni…..eppure riscaldano…..
    Forse le porte blindate mi sono mancate……o gli infissi in ferro alle finestre…..qui in Italia ci costruiamo fortezze tipo Alcatraz…..

    "Mi piace"

    1. clapessa1512 ha detto:

      Bellissimo commento! Dici la verità

      "Mi piace"

      1. Si sì per me è pura verità l America mi attira in tutto anche nelle contraddizioni più stridenti.
        Soggiornerei tanto a New York quanto in un villaggio amish
        Mi hanno detto che quando visiterò l Australia non vorrò più andar via. Ma la cosa che credo abbiano in più gli americani è che la cinematografia oramai ci ha conquistati da sempre, e quando finalmente visitiamo l America ci rendiamo conto che è davvero tutto così ( ovviamente questa è la mia visione turistica, altra cosa sicuramente è viverci) ….i miei cugini non si schioderebbero mai e poi mai….hanno venduto tutto in Italia…le scuole poi come sono fatte, costruite progettate, non volevo poi uscire dall asilo alla high school …per non parlare della piscina con annessa pista di pattinaggio e campo da baseball….(sospiro, ovviamente aspen è idilliaca…..ma ce ne sono anche altre)
        Una sola cosa mi ha lasciata allibita a Denver prendevano le impronte a tutti i turisti, ti risulta che facciano così in tutti gli aeroporti, con uno schermo verde su cui si fa poggiare la mano alla dogana ?

        "Mi piace"

      2. clapessa1512 ha detto:

        Si’! Ormai è consuetudine per il turista avere controllate le proprie impronte. A noi cittadini fanno la foto (ma a febbraio anche a Malpensa entrando in Italia )

        "Mi piace"

      3. Ti devo leggere a piccole dosi, ogni volta che ti leggo mi prende una sana invidia, spero tu ti trovi bene dove sei, oggi percorrevo la via fortunella ( alias la meno peggio) di questo paese dove vivo, e pensavo che c’è di meglio, e poi nessuno mi dice take care your self, you are welcome ……aaaaaaaa sospiro, e vuoi mettere anadare al super è comprare due chili di buttermilk.
        O una damigiana di tre litri di latte, il reverendo con l orchestra che ti attende la domenica è puoi gustarti la funzione anche dalla sala con sofà e mega schermo con caffè italiano.
        Una cosa non mi è riuscita : beccare i marciapiedi riscaldati dove la neve si scioglie…..

        "Mi piace"

      4. clapessa1512 ha detto:

        A Vail c’erano !!! Super figata!!!!

        "Mi piace"

      5. Mia cugina mi ripeteva di cercare di cadere con stile, e poi i bellissimi ragazzi vestiti da cowboy super sorridenti e ammiccanti, che mi spalancavano la porta di jerome un hotel e caffè in stile texano…..adoooooro l America anche il parquet che puzza di neve muffa e altro, perfino il buffo manico di plastica per lanciare le palline ai cani al parco. Starbuck o come si chiama te lo lascio !,,,,

        Ops sto pubblicizzando il mio piccolo editore poeta Le parche daresti una occhiata a al suo sito Amazon ? Grazie mille

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...