Felice di essere qui

car-crash-white-background-50633101

Titolo criptico, immagino. Cosa vorra` dire ? Che sono felice di essere a Milwaukee in questa soleggiata giornata di fine novembre piu` calda del solito? Si`, anche, ma oggi sono soprattutto felice di essere viva e tutta intera..e ci e` mancato proprio poco che non lo fossi.

Stamattima mi e` andata tanto bene, di super  lusso…Un miracolo che abbia portato a casa le penne, con l’unico effetto collaterale di un brutto mal di testa e le gambe che ancora ora dopo alcune ore mi tremano.

Cos’e` successo? Ho evitato per una manciata di centimetri che un deficiente ,che aveva deciso che il suo semaforo rosso era una lucina di Natale e non un ordine a fermarsi, mi entrasse a tutta velocita` nella fiancata della macchina.

Ritorno di qualche metro e una manciata di secondi indietro e vi racconto. Sono ad uno di quei grandi incroci in cui ogni senso di marcia sono 3 corsie a traffico per file parallele. E` anche una strada a velocita` abbastanza elevata per essere in citta` ( 45 m/h/ 75 km/h) ed il semaforo e` verde. Lo conosco bene quell’incrocio, ci passo tutti i giorni. Quando e` verde sta verde per tanto, quando e` rosso non ti passa piu`. L’ho visto diventare verde che stavo arrivando e il traffico era piuttosto leggero, visto che il martedi vado a lavorare piu` tardi del solito, finita la rush hour-ora di punta. Insomma continuo con la velocita` che avevo, ben conscia che ci sarei passata ed anche abbondantemente.

Sono gia` dentro l’incrocio quando alle mia destra vedo un macchina entrare decisa nell’incrocio, alla faccia del suo rosso.

Tempo per frenare non ne ho  piu`, le sono oramai praticamente davanti, allora ho sterzato ed accelerato e le sono passata davanti evitandola.

Una manciata di centimetri.

Sotto choc, ho continuato a guidare. Non c’era spazio per fermarmi. Dopo qualche centinaia di metri un altro semaforo: rosso. Mi si accosta una macchina ed il signore dentro, mi fa gesti con le mani giunte. Lo avevo dietro di me prima, quando ho attraversato indenne l’incrocio. Tiro giu` il finestrino e lui mi dice che sono stata bravissima ad evitare quella macchina, che lui quando l’ha vista entrare nell’incrocio  a cosi` alta velocita e cosi` vicina a me si e` messo le mani nei capelli pensando di stare per testimoniare  un brutto incidente, con ambulanze e polizia e che devo avere qualcuno che mi vuole bene lassu`.

Si` lo so, forse mio papa`, e` lui che ha premuto l’acceleratore per me e mi ha salvata.

Ci voglio credere perche` sono qui tutta intera a raccontare questa storia.

Certo che forse ogni tanto esperienze cosi` ( a buon fine in fondo, ma spaventose) servono per farci apprezzare di piu` quello che abbiamo e le persone a cui vogliamo bene e che molte volte diamo per scontate, tutti presi nei casini della vita quotidiana.

Basta poco, veramente poco perche` tutto cambi: a me oggi e` andata bene.

Felice di essere qui

 

Annunci

18 pensieri su “Felice di essere qui

    1. Diventero` uno di quei guidatori che frenano prima di entrare in un incrocio con il semaforo verde. Li odiavo…pensando: ma come e` verde…e vaiiiiii, ora so che magari guardano che non ci sia qualche cretino che attraversa con il rosso dall’altra parte….

      Mi piace

  1. ciacco.29

    Contenta che tu sia qui.
    Basta poco.
    A volte anche solo una distrazione o una leggerezza causano danni incalcolabili.
    Ma tu sei, evidentemente, una donna dai riflessi prontissimi e dalle decisioni rapide ed efficaci

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...