Teotihuacan: sito archeologico di una civilta` sanguinaria e misteriosa

Image result for teotihuacanE` tanto tempo che non scrivo altri post sulle nostre vacanze a Citta` del Messico e dintorni dello scorso agosto. Eppure due delle rimanenti giornate della nostra vacanza erano state forse le piu` interessanti.
Un giorno l’avevamo trascorso a Teotihuacan e uno a Puebla ed intrambi quei luoghi rimarranno indelebili nella mia memoria.
Teotihuacan dista a circa un’ora di macchina da Citta` del Messico. Sono solo 50 km, ma come al solito per uscire dalla citta` ci vuole un certo tempo, visto il traffico infernale.
Noi avevamo deciso di raggiungere il sito archeologico avvalendoci dell’autista che ci ha accompagnati  durante tutto il viaggio e senza cui, probabilmente non saremmo riusciti a vedere tutto cio` che abbiamo visto. Non so se lo avevo gia` detto, ma Miguel, l’autista, e` un tassista che mio marito aveva incontrato casualmente durante un viaggio di lavoro e gli aveva fatto un’ottima impressione. Visto che mio marito a quel punto gia`sapeva che saremmo andati in vacanza a Citta` del Messico, gli aveva chiesto quanto ci sarebbe costato farci scarrozzare in giro e visto il prezzo ragionevole ( che comunque a lui avrebbe fatto guadagnare un bel po’ di piu` che stare ad aspettare clienti all’aereoporto in fila con decine di altri taxi) lo avevamo adottato.
Ho letto che ci sono anche autobus di linea che raggiungono la zona. Ecco un link utile per capire come fare. Non cercate di guidare a Citta` del Messico, ci impieghereste molto di piu` e se non vi viene un infarto dalla paura per come guidano, reputatevi fortunati.
Il viaggio verso Teotihuacan e` interessante gia` di per se`. A nord della citta` si sale subito e si possono notare incredibili distese di case povere, ma coloratissime, abbarbicate sulle montagne che circondano Citta` del Messico: uno spettacolo indimenticabile.
Teotihuacan e` situata su un altipiano circondato da vulcani per lo piu` inattivi.  E` il sito archeologico di una citta` di una civilta` piu` antica di quella degli Atzechi o dei Maya, la cui costruzione comincio` prima della nascita di Cristo  e che intorno all’anno 1000 , all’apice della sua potenza, era la citta` piu` grande dell’america precolombiana, con , sembra, piu` di 150000 abitanti.
Si paga il biglietto per entrare e noi abbiamo deciso di prendere una guida per la visita con l’opzione visita lunga. Devo dire che e` stata la scelta giusta: senza di lui  non saremmo riusciti a vedere tutto perche` la zona archeologica e` grande, ma grande grande!
Il sole e` implacabile, siamo a piu` di 2400 metri di altitudine: l’aria e` rarefatta ed il Messico e`abbastastanza vicino all’equatore e si sente! Portatevi acqua: non e` facile dentro trovare posti che la vendano e sempre meglio stare all’erta e non bere dai rubinetti per evitare il Montezuma! Munitevi anche di cappello, occhiali da sole e protezione solare, ne avrete bisogno. Teotihuacan e` un luogo dove non vi dovrete preoccupare di vestirvi come locali per evitare taccheggi come a Citta` del Messico. Se siete li` e` perche` siete turisti, quindi tshirt e calzoncini corti, ma buone scarpe da camminare e per salite anche ardue. Ho visto cose!!!! Una donna cercava di salire con i tacchi sul tempio del Sole..a parte rischiare di rompersi il collo o peggio, vuol dire propri non essersi documentati per niente su quello che si va a vedere. Mah!
Noi siamo stati lasciati da Miguel ad una delle entrate, quella piu` vicina al tempio del Sole, che e` la piramide piu` alta..quella che dovrete scalare senz’altro, e che vi fara` capire se le ore in palstra che vi siete fatti prima di arrivare sono servite a farvi venire il fiato.
Dalla cima la vista e` stupenda e rimarrete senz’altro senza parole. la cima e` piatta e vorrete fare una foto da lassu`. Non ci sono parapetti e la scalinata per salire, ma a me ha fatto piu` impressione scendere, e` proprio ripida. Image result for teotihuacan pyramid of the sun
L’altra grande piramide che si erge ad una delle estremita` del sito e` quella della Luna, tra le due si estende una strada larga e tutta costellata da piramidi piu` basse. Da quello che ho capito dalla guida su quelle piramidi stavano le famiglie dei sacerdoti durante le cerimonie sacrificali.
Tutto quello che e` rimasto in piedi e` religioso, escluso un gruppo di abitazioni vicino al tempio della Luna, anche quelle dei sacerdoti. Alcune di queste sono aperte al pubblico e vi consiglio di addentrarvi  tra le loro mura. Vedrete aree rifatte, che pero` vi daranno un’idea dei colori usati per decorarle e zone in cui le decorazioni sono originali. I colori usati sono naturalmente naturali ed e` molto interessante vedere come li preparavano. Come fare per avere queste informazioni? Semplice!
Tutta la spianata tra i templi ( Strada dei Morti)  e` piena di venditori che vendono artifatti copiati da quelli della civilta` che viveva li`. I piu` comuni sono fischietti fatti a forma di teschio che emettono suoni di animali: aquile, pantere orsi ( la prima volta che li sentirete, se non vi ricordate piu` delle mie parole, farete un salto perche` il suono e` molto veritiero!). La nostra guida ci da portati da uno di questi ( lo so che e` tutto organizzato e magari quello era parente di quell’altro, etc etc…) che ha fatto un disegno colorandolo con il succo di piante, il rosso delle cocciniglie Image result for plants and insects used to make colors
e` stato veramente interessante. Se volete sapere di piu` su piante, insetti e colori leggete qui
Quello che ora e` un sito caratterizzato da edifici di rocce scure ( per forza e` tutto vulcanico qui), ai tempi era tutto coperto di “intonaco” e poi decorato da affreschi, che il tempo si e` portato via…ad esclusione di pochi angoli sopravvissuti.
Tutto quello che ora vedete nella sua immensita`, fino a poco fa era una zona disabitata coperta da collinette coperte di alberi e cactus. Nessuno sapeva che sotto quelle colline ci fosse una intera citta`! Le prime scoperte risalgono alla meta` del 1800 e ancora la nostra guida ci ha fatto notare decine di collinette appena fuori della spianata che aspettano di essere “ripulite”, perche` anche quelle sono piramidi. Ci fossero i soldi per farlo!
La storia di Teituhuacan e` molto interessante ed il sito migliore dove scoprirla e` sicuramente quello dell’UNESCO del cui patrimonio mondiale essa fa parte
Dalla cima del Tempio della Luna avrete un’idea dell’immensita` del luogo. A questo punto e` ora di raggiungere l’ultima zona del sito..quella laggiu`..lontana lontana. La grande spianata del tempio di Quetzacotal anche conosciuto come il tempio del serpente piumato.
Ne vale la candela e la camminata, anche se questa e` abbastanza lunga e tortuosa, e  arrivati alla spianata dovrete ancora arrivare al tempio, che si trova  nascosto dietro ad un’altra piramide, che dovrete scalare ( ancora…)
Il tempio di Quetzaocal e` quello meglio conservato e da` l’idea precisa di come fossero i templi nell’antichita`. Le teste di serpente sono bellissime e esse si possono osservare bene, seduti sulle gradinate prospicienti.
E` facile immaginare la vita ed il commercio in quegli spazi immensi, immaginarsi gli abitanti portare le loro merci per la vendita o riunirsi per i momenti sacrificali, molto spesso umani. Le case degli abitanti, che non fossero sacerdoti, erano al di fuori dell’aerea ed, essendo di legno, non sono arrivate a noi, ma e` facile capire come li` ci potessero vivere 150000 abitanti.
A questo punto sarete cotti dal sole e affamati. Noi abbiamo mangiato in uno dei ristorantini fuori dal recinto. E` li` che Miguel mi ha “costretta” ad assaggiare le Escamoles. Mi sembrava di offenderlo a non provarle e l’ho fatto.
Cosa sono le escamoles? Sono larve di formica. Ecco sono croccanti e non hanno nessun gusto particolare, e` che io sapevo cosa mettevo in bocca ed ancora oggi dopo mesi… me le sento vive dentro. Miguel rideva, io meno! 
Dopo pranzo, alle 4, li` in Messico non si pranza prima di allora, siamo tornati in Citta`. A quel punto abbiamo ancora visitato il Santuario di Nostra signora di Guadalupe. La chiesa nuova non dice niente: enorme per contenere i fedeli e lunghe file per passare davanti all’effige della Madonna. Molto belle invece la vecchia chiesa e la Cappella dove era avvenuta l’apparizione. Vale anche la pena salire la collina dove c’e` un bel parco… tanto a quel punto avrete i polmoni di Meissner: sarete pronti per scalare l’Everest!

Annunci

Un pensiero su “Teotihuacan: sito archeologico di una civilta` sanguinaria e misteriosa

  1. Pingback: Il Messico nel suo cuore coloniale – Un' alessandrina in America

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...