Un’estate …NON..al mare!

Varigotti.it

Erano anni che non ci perdevamo l’estate in Italia.
E ` piu` di un anno che non ci torno.
Se ho avuto la fortuna di avere la mia mamma qui con noi per 3 settimane, tutti gli altri sono in Italia ed e` piu` di un anno che non ci vediamo.
Mi mancano alcune persone, con cui il legame e` familiare o inscindibile, anche se siamo lontani: mio fratello innanzitutto e pochi altri, se mi state leggendo sapete chi siete, ma tutti gli altri sono scivolati/ stanno scivolando nell’oblio dei ricordi: belli sicuramente e che fanno parte di me, ma dire che mi mancano e` dire una bugia.
Mi piacerebbe se alcune persone venissero qui a trovarci, ma possiamo contare sulle dita delle mani le persone che hanno attraversato l’oceano per noi.
Se per alcune si tratta di non poterselo permettere economicamente,  per molti altri e` solo mancanza di voglia, dato che sono andati in vacanza in luoghi anche molto piu` lontani ed esotici degli USA.
Mi viene spontanea allora la domanda sul perche` mi debba  muovere sempre io e se questo non mi dovrebbe mettere di fronte alla realta`: che i rapporti umani dovrebbero essere sempre come una strada a doppio senso e se si percorre sempre e solo un senso…si dovrebbe capire qualcosa del rapporto. Cioe` che non gli interessiamo, ahime`!
Allora meglio lasciar perdere.
Oggi non so neanche dire se mi manca qualcos’altro.
Mi mancano la focaccia, il buon cibo, le citta` d’arte che ho visitato? Forse un poco, ma vivo bene anche senza perche` posso fare nuove scoperte e visitare qualcosa di nuovo.
Ecco questo lo sto ammettendo, mentre lo sto scrivendo, per la prima volta anche con me stessa.
Questa ammissione mi fa capire come io e la mia vita siamo cambiate.
Se leggete il mio blog da un po’ , vi ricordate come solo un anno fa in questo post ancora io mi domandassi dove fosse casa veramente.
Forse questo ultimo anno mi ha cambiata tanto.
Forse la risposta me la sono data, inconsciamente prima e sempre di piu` razionalmente man mano che passa il tempo, attraverso i fatti della vita.
Ho visto mia figlia imparare a volare da sola prima andando all’universita` lontano da noi , poi ora , tornata a casa per l’estate, mentre indipendente si e` cercata un lavoro e si e`messa a lavorare .
Fra un mese tornera` all’universita` e avra` la sua prima vera casa, una che non includera` anche noi genitori.
 Tutto questo mi sta facendo capire come forse, invece del guardare al passato , sia utile tessere i legami per il futuro.
Questa estate a Milwaukee, senza mare, senza gli amici di sempre, si sta rivelando un momento in cui costruire ricordi nuovi da tramandare, cioe` invece di voltarmi indietro a quello che e` stato, guardare avanti a quello che sara`.
Un giorno, fra qualche anno, forse potremo ricordare, ridendo, dei pomeriggi trascorsi nel garage a verniciare e scartavetrare mobili del rigattiere per restituirgli una nuova vita, e farli diventare il mobilio della sua casa shabby chic/etnica , delle belle giornate con il cielo terso, quell’immenso cielo americano che molti notano quando arrivano qui. Ci ricorderemo dei pochi intensi giorni di vacanza, insieme noi tre. Ci ricorderemo delle scoperte fatte insieme in questi giorni piu` lunghi degli altri. L’estate e` breve ed intensa qui. Andando in Italia l’abbiamo sempre persa e ci siamo ritrovati nella routine del lavoro e delle giornate brevi e poi sempre piu` fredde, troppo velocemente.
Ieri io e mia figlia siamo andate al lago, quel lago immenso che sembra un mare e che ieri aveva anche il profumo del mare. Mi sembrava strano, ho chiesto a mia figlia: Ma anche tu senti l’odore del mare?  E lei mi ha risposto di si`.
Ho potuto riannusare il mare…Va bene cosi`!
Stamattina poi mi sono messa a canticchiare la canzone di Giuni Russo: Un’estate al mare e mi sono messa a ballare da sola!

Annunci

14 pensieri su “Un’estate …NON..al mare!

  1. MaryA

    Mi viene spontaneo pensare che forse, sei cresciuta. Nella testa. Nel cuore. Quel sottile filo che ti legava certamente non l'hai spezzato, ma riavvolto. E lo tieni li, il tuo prezioso gomitolo, in attesa di poterlo lavorare di nuovo. Baci.

    Mi piace

  2. Mi hai tolto le parole di bocca. Vale anche per noi questo. Anche a 700 km dalla città di origine nessuno viene più a trovarci, eppure molti vanno in vacanza anche più lontano. E tanti danno per scontato che dobbiamo essere noi a muoverci. Perché se tu ti poni le domande su qual è la tua casa, loro sono sicuri che la tua casa resterà quella di origine. E non gliene frega niente se per te è diverso.

    Mi piace

  3. Capita che quest'estate sia nato il mio ultimo figlio e capita che per questa ragione si sia deciso di non tornare in Italia per le ferie. E' la prima volta in vita mia, cioè in 45 anni, che non passo l'estate in riva al mare siciliano. Per cui capisco bene la tua riflessione, che condivido e mi arricchisce. Anche noi, in questa strana estate, stiamo esplorando un tempo e uno spazio a cui non eravamo abituati, e forse anche un modo di stare assieme diverso dal solito: meno stressato dall'ansia di arrivare poi di ripartire, meno urgente. Certo mi mancano tante cose delle mie abitudini estive, senza contare gli affetti. Sto realizzando pero' che questo è il passaggio che da tempo temevo: il distacco sempre più netto dal mio vecchio mondo e l'accettazione sempre più consapevole di quello nuovo. Un passaggio sicuramente già risolto in modo inconscio, ma che ha bisogno della concretezza di un'estate straniera per farsi accettare pienamente. Quindi, mi mancherà senz'altro l'odore del mare (io al lago non riesco a sentirlo purtroppo), ma quest'estate balzana è comunque benvenuta. Anche se non mi faccio troppe illusioni, continuero' a stare con i piedi in un posto e con la testa in un altro. Grazie ancora per la tua condivisione che mi ha fatto prendere coscienza di un paio di cose.

    Mi piace

  4. nicoletta

    Anche per noi è un'estate strana, senza molta voglia di andare al mare… lì quest'anno costruirò ricordi differenti,affetti diversi…
    La nostra estate è anche stare con voi

    Mi piace

  5. Nico!!! lo sai che tra le persone che dovevano capire chi erano ci sei tu! Ne parlavamo con Fra l'altro giorno che siamo andate al Museo : L'anno scorso eravamo al Museo con Sere ed avere qui Sere e` stato un regalo bellissimo che ci avete fatto!!! Adesso aspettiamo voi ( di ritorno dalla Cina ! 😉 )

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...