Blocco dello scrittore o solo…

thezeo.deviantart.com

Lo ammetto. Sono dieci giorni che non scrivo: avro` anche io il blocco dello scrittore?

Mah? Certo  dire che ho il blocco dello scrittore vuol dire che scrittore mi considero. E anche li` c’e` un grande: mah? 
Ho sempre pensato allo scrittore come una persona con illimitate capacita` nel trovare idee e spunti dalla propria vita o da una vita immaginaria parallela alla reale, per poter scrivere cose belle. 
Non io!
Purtroppo per me, io sono una persona tragicamente con i piedi per terra e la mia vita molto spesso non e` super cool ( mia figlia qui direbbe: Mamma! Alla tua eta` cool e` una parola che non si deve usare!) 
Poi in questi ultimi giorni la vita mi ha dato uno schiaffone in faccia che mi ha, si`, svegliata di botto, ma mi ha pure lasciata svuotata di energie e di voglie.
Purtroppo dello schiaffone ricevuto non posso parlare pubblicamente e questo e` ancora peggio perche` vorrei invece urlare al mondo la mia frustrazione.
Vorrei pero` rassicurare ed escludere alcune cose che potrebbero allarmare ancora di piu` di un silenzio.
In famiglia tutto bene.
 Nessun matrimonio in crisi: mio marito ed io siamo insieme ancora… anzi direi che abbiamo fatto una “new year resolution” ( buon proposito di inizio anno) che ci riavvicinera` ancora di piu`. Quale? Avendo tutti e due abbondantemente superato il traguardo degli-anta, abbiamo deciso di volerci un po’ piu` bene del solito e parte del processo dello stare meglio passa anche dal fisico. Ci siamo iscritti in palestra gia` da un po’, ma per Natale ci siamo regalati un gruppo di lezioni con un personal trainer, da fare insieme in coppia per avere ancora piu` stimolo ad andare in palestra. Tutto serve! Anche perche` lui e` di solito il cuoco di famiglia che prepara piatti buoni e tentatori ed e` quello che boicotta tutte le mie velleiata` di dieta ( parlo di dieta, ma in realta` si tratta solo di ridurre le quantita` di cibo e magari evitare qualche alimento meno essenziale ad una alimentazione equilibrata)
Mia figlia e` felicissima di aver ricominciato con le lezioni dell’universita`.
Ieri dopo il primo giorno del suo nuovo corso di studi era eccitatissima. Ha avuto le sue prime lezioni di Filosofia e di Francese. Di Filosofia un libro su cui baseranno molto della loro ricerca e` “Esistenzialismo e Umanesimo” di Sartre. Sono sicura che il corso le calzera` a pennello: spero solo che non mi diventi ancora piu` complessa di personalita` di quello che e` gia`!
 Di Francese il corso e` gia` a livello piuttosto elevato, insegnato interamente in francese, confronta  le culture della Francia e di altri paesi francofoni e la cultura americana. Vorrei poterlo frequentare anch’io un corso cosi`, anche se probabilmente con il mio livello di francese ne capirei una centesima parte….Sigh, sob!
Certo che , lo ammetto, mia figlia mi manca gia`dopo due giorni. Ma non ero io quella che a settembre diceva che stava bene, che bello avere la casa tutta in ordine che era giusto lasciare crescere i figli e lasciarli andare?
Oddio, la casa e` stata un casino incontrollabile negli ultimi dieci giorni.Basta che la mamma , cioe` io, molli un attimo la stretta routine: pulire, lavare, cucinare, stirare che “il CAOS primordiale” prende il sopravvento e aiuto! Ma non importa: eravamo insieme. Potevo entrare nella sua camera al mattino e svegliarla accarezzandole i capelli e dandole qualche bacino ( e ricevendo come risposta un mugugno ringhioso, ma anche quello va bene!), potevamo guardare insieme in TV Downton Abbey ed stare insieme, facendo le nostre cose: quelle che se avete figlie fate gia` anche se sono piccole e farete sempre di piu` man mano che cresceranno.
Ma il blocco dello scrittore ( wannabe…che vorrebbe esserlo) non e` dovuto ne` ad una ne` ad un’altra cosa singolarmente presa; ne` deriva dallo schiaffone, ne` dal vuoto lasciato in casa da mia figlia, ne` dal lavoro ne` dai corsi da preparare, ma forse e` dovuto alla somma di questi molti aspetti della mia giornata che certe volte mi fanno pensare che scrivere sia una perdita di tempo: tempo che tolgo da altre cose.
Sono pronta per la lezione di domani?
Ho corretto tutti i compiti?
Ho fatto il bucato?
C’e` qualcosa di sano in casa per preparare una cena?
il bagno e la cucina sono puliti e decenti? 
Ed i letti sono fatti o stiamo dormendo in una “cuccia” a forza di tirare su le orecchie al letto? ( la si usa questa espressione li` da voi?)
“Beh, magari dovresti prenderti una donna delle pulizie se hai questi problemi”: vi immagino dire o pensare cosi`,vero?
 Diciamo che ci ho pensato e seriamente preso in considerazione la cosa, poi sono stata messa di fronte ai costi. Mi sono stati chiesti 35 $ all’ora da ogni signora interpellata. Non ne prendo cosi` tanti io nel mio lavoro e forse sarebbe meglio se stessi a casa e facessi io la casalinga ( cosa che non reputo disonorevole affatto!). Alla fine pero` cerco di fare io tutto, male, ma mi scoccia girare il mio stipendio ad una persona che mi viene in casa a pulire in superficie, cosa che riesco ancora a fare io, ma non mi toglie da altre incombenze che mi occupano molto piu` tempo.Sono tirchia in queste cose..alla fine devo ammettere che e` cosi`!
Ma a voi capita di passare periodi come questo mio?
Molte mie amiche sembrano tante superwoman, specialmente quelle rimaste in Italia, io sono invece in un periodo in cui mi sento sopraffatta dalla vita.
 O forse avrei solo bisogno di uno schiaffone che mi faccia girare la testa dalla parte opposta?

Annunci

5 pensieri su “Blocco dello scrittore o solo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...