Ritornano e poi ripartono

E` stato un bellissimo weekend. E` stata una gioia avere Francesca a casa con noi.

Le mancavano la sua casa , il suo letto, il ” suo” divano  e, sorpresa, le mancavamo pure noi.
E` stato un weekend tutto casalingo:non ha voluto vedere nessuno dei suoi amici rimasti qui, voleva rilassarsi e non fare niente…anche se un po’ ha dovuto studiare, ma nel suo letto bello grande da dove non c’e` il rischio di volare giu`.
Ha dispensato coccole e ne ha ricevute.
La nostra italianita` si e` scatenata a farle tutti i manicaretti che lei aveva richiesto ( lei ha detto” i freshman 15 *non sono quelli che si mettono al college, ma quelli che uno mette su tornando a casa”..io per smaltire dovro` camminare tutti i giorni ..anche di notte).
Abbiamo parlato, fatto un po’ ( poco) shopping, i nonni l’hanno vista con Skype e sentita per telefono e tutti si sono rincuorati che e` sempre lei ( per mia mamma: ancora piu` bella…ah, le nonne!)
Siamo stati bene.
E non e` stato brutto neanche riportarla all’universita`ieri sera.
La sorpresa per me era gia` stata venerdi arrivando: il vedere una camera molto ordinata ed organizzata, oltre che veramente bellissima. L’hanno resa casa. Credo che a entrambe ( a lei e Karolina) faccia piacere quando gli amici vanno da loro perche` da loro si sta bene.
Abbiamo incontrato anche alcuni dei suoi amici: ragazzi e ragazze con le facce pulite.
E siamo tornati contenti a casa, ma…
contando mentalmente i giorni che ci separano dalla prossima volta che ci vedremo, che tempo permettendo potrebbe essere fra due settimane, quando vorremmo andare a raccogliere le mele magari portandoci dietro anche Karolina!

* i freshman 15 sono i pounds ( circa 6kg) che uno studente americano medio ingrassa arrivando all’universita` il primo anno, mangiando schifezze.

Annunci

9 pensieri su “Ritornano e poi ripartono

  1. No, sarai contenta perche` saprai che sono contenti loro. Ammetto che se qualcuno mi avesse detto quello che io ho appena a te, solo qualche mese fa gli avrei dato del pazzo, ma alla fine e` cosi`. La loro felicita` si riflettera` nella tua. Certo manca la quotidianita`, ma anche noi siamo andati via ..e` la vita!

    Mi piace

  2. ..anche io voglio venire a raccogliere le mele!!!! <3
    E averla a casa per un weekend, viverla tra le mura di casa per assicurarsi che stia bene e che niente è cambiato deve fare bene al cuore, credo renda più sereni nel lasciarla andare via ancora, giusto?
    un bacio

    Mi piace

  3. Greta, SI`… proprio cosi`!!! Giulietta ha scritto” gli abbiamo dato ali per volare” ed io condivido in tutto questa affermazione. Dobbiamo essere tranquilli di quello che abbiamo costruito, pur accentado di aver fatto errori, in quanto nessuno di noi e` nato genitore…e perfetto!

    Mi piace

  4. MaryA

    Bellissimo post e belle le tue parole e pensieri nei commenti. Genitori non si nasce,è vero, ma ci sono quelle persone,quelle madri come te, che vanno oltre….chi ama, con tutto il cuore e tanto anche con la mente, è capace di lasciar volare e “consegnare” alla vita, quella vera, i propri figli. Un amore che nasce dal cuore passando per la mente.
    Baci.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...