Ricordi di Vacanze ( e di viaggio) se volete andare anche voi a St. Thomas

A Pasqua siamo andati sei giorni in vacanza a St. Thomas, nelle Isole Vergini Americane.
Era la seconda volta che ci andavamo e la scelta di ritornarci, oltre che dal fatto che l’isola ci era gia` piaciuta tantissimo, era stata dettata dal tempo a disposizione. Io non potevo prendere giorni di vacanza dall’universita` e St. Thomas e` ben collegata con coincidenze decenti da Milwaukee: partendo alle 6 di mattina da Milwaukee, alle tredici si atterra sull’isola ed anche al ritorno siamo partiti alle 16:30. Questo significava godersi tutti i giorni di vacanza. E poi avevamo parecchie notti gratis in albergo, grazie ai viaggi di lavoro di mio marito, e a ST. Thomas sapevamo che il resort era di livello super.
Non credo pero` che ci saremmo tornati, se non fosse stato per quei motivi, perche` di luoghi da vedere nel mondo ce ne sono troppi per ritornare nello stesso posto. Ma avevamo voglia di sole, di caldo e di pochi pensieri dopo l’inverno terribile che avevamo avuto e St. Thomas ci aveva lasciato ancora comunque quel languorino che ti viene quando assaggi qualcosa che ti piace, ma non ne hai a sufficienza per sentirti pieno!
Tornare in un luogo gia` conosciuto ti fa sentire esperti..allora vi voglio rendere partecipi di questi appunti di viaggio, se magari avete voglia di passare da quelle parti.
Premetto che io sono allergica ai viaggi organizzati e alle crociere. Piuttosto di salire su una nave o  andare in un resort All inclusive, sto a casa.
Cerchero` di evitarvi anche errori in cui siamo incappati noi la prima volta.
Alcuni amici erano stati li` in vacanza e questo e` quello che ci avevano detto:
Non vi serve affittare una macchina, prendete i taxi che vi porteranno dove volete. NON E` VERO,NON FATELO!


Cosi` abbiamo fatto noi  la prima volta al nostro arrivo all’aereoporto: abbiamo preso un taxi: 70$ per arrivare all’albergo ed essere bloccati li`. Per carita` bellissimo albergo, bellissima baia, ma noi volevamo vedere tutte le spiagge ed essere liberi. La mattina dopo abbiamo noleggiato un’ auto e la liberta` e` iniziata, quindi si` al Noleggio auto

Unico problemino, si guida a sinistra come in GB, ma con auto normali con il volante a sinistra, le strade sono a dire poco tortuose ed essere passeggero non e` molto piacevole..la sensazione di fare un frontale e` sempre in agguato.
Controllate poi se con la macchina potete andare a Saint John oppure fate come noi che la prima volta non ci eravamo neanche posti il problema andandoci, solo per scoprire all’atto del noleggio, la seconda volta, che tra le clausole c’era proprio il non potere prendere il traghetto per Saint John.
Entrambe le isole sono americane quindi quelle clausole sono li` perche` non ti vogliono venire a prendere a St. John se hai un incidente o se ti si ferma la macchina, perche` se le strade di St. Thomas sono brutte, quelle di St. John sono orride!!!!!!!!!!
Ah, un’altra cosa: quando noleggiate l’auto non fatevi troppi problemi se  ve la danno con qualche bocciatura, graffiatura o altro: noterete che nessuna, ma proprio nessuna macchina e` perfetta! (pensate a come possa essere facile guidare senza vedere quando superate a destra e consideratevi gia` fortunati se portate a casa la pellaccia!)
Pero` andate a Saint John! credo che basti una foto per farvi rendere conto perche`…

Questa e` Trunk Bay, intorno allo scoglio che vedete si possono fare immersioni, ma anche dalla spiaggia si possono fare incontri interessanti come questo:

St. John e` piu` selvaggia di St. Thomas, inoltre e` parco nazionale, insomma da vedere!
A St. Thomas ci sono comunque tante spiagge bellissime, ed ecco le mie top 3.
1) La piu` fotogenica, ma anche la piu` conosciuta Magens Bay. Il mio consiglio e` di andarci nel pomeriggio e stare fino al tramonto, verso sera si svuota e ve la godrete veramente.
Si paga una piccola cifra per entrare, ne vale la pena! E` la SPIAGGIA per antonomasia. Lunga e con le palme che si muovono al vento. La baia e` profonda in lunghezza, quindi il mare e` sempre piatto, ma l’acqua non e` cristallina come da altre parti.
2) Quella dove avrete piu` contatti con i locali, e dove il mare e` THE BEST: Coki Beach.
Ci hanno detto che ci portano orde di turisti che arrivano in crociera e in un giorno fanno il giro forzato dell’isola, cosi` poi possono dire: sono stato a St. Thomas!Coki Beach ha un piccolo “Coral World” dove noi non siamo andati, ma abbiamo fatto snorkeling e i pesci sono veramente fantastici. Noi per due volte siamo stato graziati dalla massa e ce la siamo veramente goduta, specialmente la prima volta. Li` andateci presto al mattino, e` assolutamente vuota, invece verso mezzogiorno si riempie ma  la fauna diventa interessante! 
Si puo` anche mangiare, in quanto i locali si sono attrezzati in baracche e servono da bere e da mangiare .Se non siete schizzinosi va benone, noi  non siamo morti! Quest’anno pero` Coki beach mi e` sembrata troppo commercializzata e, nonostante la vista e l’acqua siano sempre le mie favorite di St. Thomas….non l’ho piu` trovata paradisiaca


3) Dove ci siamo sentiti Robins Crusoe: Linquist Bay. 
Per due volte. Scoperta casuale perche` la spiaggia e` molto nascosta e non indicata sulla strada. Quest’anno era ancora molto selvaggia e le uniche persone eravamo noi ed una mamma locale con bimbi che ci ha detto di non aver mai visto la neve in vita sua ( beata lei!), stanno pero` facendo lavori li` vicino e spero che non la rendano troppo visibile, perche` magari la rovinano. Si paga un ingresso di pochi dollari ad un tizio su una macchina ( si` non e` uno che frega soldi, e` ufficiale) ci sono tavolini sotto le mangrovie, ma niente servizi o bar







Bella!!!
Naturalmente ce ne sono altre, ma queste secondo me sono le piu` interessanti, a voi smentirmi.
Un altro errore che vorrei evitarvi e` sul cibo. Due anni fa ero rimasta stupita di come su un’isola in mezzo all’oceano si mangiasse lo stesso cibo di Milwaukee. I ristoranti che servono hamburger e patatine sono comunque la maggioranza…sigh sob! Ed il pesce? Io mi immaginavo mangiate di pesce fresco grigliato al momento , come ci era capitato su altri lidi ben meno esotici ( in Croazia per esempio). Se uno si ferma al primo impatto si rischia di tornare a casa senza aver assaggiato pesce…allora eccovi due o tre posticini da provare per delle cenette memorabili.


Il migliore: Sunset Grille – Secret Harbour Resort. Pesce freschissimo e cucinato bene, vista mozzafiato, musica caraibica, ma non invadente: da provare!
A seguire Fish Tails Bar and Grill, si mangia all’aperto il pesce e` buono, ma e` molto americano.
Sembra che la caratteristica di St. Thomas comunque sia un mollusco, il conch. Te lo trovi in molti piatti, ma e` locale e a noi e` piaciuto molto.

Abbiamo anche mangiato molto bene per pranzo, prima di partire, al nostro resort. I loro fish taco di Mahi mahi sono buonissimi e li ho rifatti a casa molte volte da allora.
Quest’anno non siamo mai andati alla capitale: Charlotte Amalie. Ci si passa arrivando dall’aereoporto e due anni fa ci sembrava degna di una visita.Di giorno infatti e` vivace e piena di negozi: c’e` anche un mall con tutte le firme piu` importanti Vuitton, Gucci, Armani, Ferragamo ecc.. St. Thomas e` porto franco e non si pagano tasse, quindi si vede che la gente compra… ma la citta`vive del turismo giornaliero delle grandi navi ( come sta succedendo a Venezia), e la sera e` una desolazione. Ci siamo andati una sera per cena  ed era tutto chiuso, avevamo finito per mangiare un hamburger in uno dei pochi ristoranti aperti, presi dai morsi della fame!
E la frutta? Ci sono mango e cocco locali, e plantans, ma per il resto credo che arrivi tutto dalla terra ferma, delusione!!!
 Per fortuna non si va a St. Thomas per mangiare, certo che ci immaginavamo gia` a fermarci ai bordi della strada come facevamo in California e mangiare la frutta migliore del mondo comprata dalle bancarelle..ecco no! Non fermatevi, non ne vale la pena!
In ogni caso prendetevi una cartina dell’isola e giratela senza fretta, non ci sono pericoli e ad ogni angolo offre viste mozzafiato. Io preferisco il lato verso St. John, dalla parte di Charlotte Amalie l’isola e` piu` rocciosa. Vale anche la pena arrivare sino in cima al punto piu` alto dell’isola..anche li` negozio iper turistico, ma dentro il negozio hanno una terrazza da cui si gode una vista incredibile ( poi vendono un Rum mica male… assicuratevi di  non fare troppi assaggi altrimenti andate giu` dritti, tagliando tutte le curve)



Riguardare le foto del viaggio per scrivere questo post mi ha fatto rivivere quei momenti. Spero di aver trasmesso anche a voi la voglia di un viaggio da quelle parti. per quanto mi riguarda io mi penso sempre cosi`
a guardare il mare da sotto una mangrovia.
La piu` bella sensazione? togliersi le calze, togliersi maglione e giacca e scendere in mezze maniche e sandali dalla scaletta dell’aereo baciati dal sole caldo. La peggiore? Scendere dall’aereo a Milwaukee di nuovo con maglione giacca e calze…e dopo sono solo ricordi.

Annunci

3 pensieri su “Ricordi di Vacanze ( e di viaggio) se volete andare anche voi a St. Thomas

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...