Le cose che avrei dovuto sapere prima di diventare expat e nessuno mi ha detto: aiuti pratici per chi parte

Nell’aiutare Donatella che sta per trasferirsi in Florida con la famiglia e che molto intelligentemente sta facendo molte domande pratiche su cosa portare e cosa lasciare indietro, mi e` venuta l’idea di inziare una lista di cose che uno deve sapere prima di partire
Alcune sono stupide altre piu` serie, alcune sono datate perche` sono 19 anni che vivo qui e le cose sono cambiate altre sempre attuali. La lista e` incompleta e la completeranno altre blogger con le loro esperienze.
Ecco alcune cose che avrei voluto sapere.

1) Non vi state a portare i letti italiani: le dimensioni sono diverse e le lenzuola che trovate qui non funzionano mai ne` per i singoli ne` per i matrimoniali. Decidete di portarli lo stesso come ho fatto io, che mi sono anche messa nel container molte lenzuola da sotto? Dopo qualche anno se dovete comprare il materasso nuovo sono cavoli. I materassi italiani sono anche piu` bassi e non trovereste nessuno che ve li fa`.
2) Se vi asciugate dopo il bagno o la doccia con un accappatoio meglio che ve li portiate dall’Italia. Qui non esistono di spugna e men che mai con il cappuccio, oppure sono talmente pesanti che e` come se vi caricaste in spalla qualcuno.Per tutti gli altri asciugamani, le spugne qui sono favolose e quando tornerete in Italia vi chiederete come avete fatto ad asciugarvi con la carta vetrata per tutti quegli anni.
3) Le lampade e i lampadari italiani possono benissimo essere usati qui. Bisogna fare due cose: cambiare le lampadine (vale anche per le alogene) e compare una semplicissima presa di conversione che la faccia entrare in un outlet americano a dx
Se ha la terra come questa a sinistra non va bene!
4) La TV europea usa il sistema PAL qui NTSC,lasciatela indietro, come anche i lettori DVD. Ora esistono dei lettori Blue Ray o DVD multistandard che si possono comprare su internet e vi permettono di vedere i  DVD italiani, se invece andate in qualsiasi negozio normale troverete solo quelli per il sistema americano e non potrete guardare niente di europeo. Portatevi la TV dall’Italia solo se avete anche le console di giochi italiane, perche` nemmeno quelle  funzionerebbero con un apparecchio americano.
5) Legato a quello c’e` il problema tensione:220V in Italia e 110V qui. Se volete usare qualche apparecchio elettrico italiano qui, preparatevi a spendere un bel po’ di soldi in un trasformatore “serio”. Ne trovate su internet di vari prezzi, quelli seri vanno dai 150 ai 300$, sono pesanti da spostare, ingombranti e non e` che ci si puo` attaccare tutto. Se avete diversi apparecchi elettrici da usare avete due possibilita`:o  ne comprate piu` di uno o dovete fare una scelta di cio` che vi lasciate indietro.
6) Quando arrivate negli USA e vi stupite che ci sia l’asciugatrice in tutte le case  da usare in tutte le stagioni. Vi verrebbe voglia di stendere fuori, magari stendendo un bel filo in giardino? Ecco non fatelo! Io non lo sapevo, ma mi han detto che NON si fa`, almeno dalle mie parti..peccato!
7) Le case americane sono MOLTO piu` basse di quelle italiane. Se avete armadi lasciateli in Italia, anche perche` gli armadi qui sono gia` nelle camere da letto o sotto forma di cabina armadio o di armadio a muro. Prendete mille misure se e` un armadio della nonna che DEVE venire con voi. L’altezza piu` comune per una stanza negli USA e` 7 piedi ( bassa, decisamente!). la mia casa ha i soffitti di 8 piedi che sono comunque molto piu` bassi di quelli della mia ex casa italiana!
8) Le tende e le luci fisse non possono essere tolte da una casa come anche la cucina con tutti gli elettrodomestici, quindi troverete gia` tutto …nel bene o nel male! gli americani sono pratici e traslocano spesso seguendo il lavoro, non perdono tempo a comprare le luci del bagno o del corridoio!
9) Saltando di pane in frasca..la patente: poiche` il documento della patente e` come la carta d’identita` italiana..meglio darsi una mossa e studiare per il test teorico e pratico e dare l’esame quanto prima. Non solo questo vi permette di usare anche gli assegni dal vostro conto in banca, dando una prova di residenza, ma vi evita di fare errori madornali mentre guidate facendovi tirare dietro accidenti che non vi servono proprio!
10) Dulcis in fundo: la storia di credito. Ricordatevi che potete essere Paperon De Paperoni in Italia, ma qui partite da ZERO!!!! siete nessuno! Quando arrivate e aprirete un conto corrente, dove metterete i vostri soldini, vi daranno la Check Card che e` come il bancomat con cui potrete prelevare e fare anche operazioni come con la carta di credito, ma questo non vi aiutera` con la storia di credito. Vedrete che difficolta` vi faranno se volete pagare con un assegno e quanto tempo perderete, per controlli etc. Dovete costruirvi la storia di credito e come si fa? facendo DEBITI..e si`!Chiedete una carta di credito, magari una di una compagnia aerea che  usate di piu` per viaggiare e cominciate a spendere ( il limite di spesa sara` molto basso all’inizio) e a pagare tutto il conto appena vi arriva..dopo pochi mesi potrete chiedere un aumento del limite di spesa e continuando a pagare tutto e sempre in tempo..ecco che la storia di credito si costruira`. Se volete poi comprare una casa, la vostra storia di credito vi servira` per avere il mutuo a tassi migliori e cosi` via.
Spero di essere stata d’aiuto e passo la palla a altre blogger ( aggiungete i vostri link a pie` del mio elenco come commento) grazie!!!
 Ecco che due blogger hanno gia` allungato la lista ecco i link per leggere Valentina eMom

Annunci

9 pensieri su “Le cose che avrei dovuto sapere prima di diventare expat e nessuno mi ha detto: aiuti pratici per chi parte

  1. Mia suocera ha portato qui dei mobili di famiglia a cui teneva molto. La libreria ha dovuto farla adattare, e trovare un falegname che lo facesse non e' stato facile. In casa abbiamo invece una lampada da terra italiana, che funziona perfettamente con un adattatore da circa 30 $. Carta vetrata: verissimo!! Bel post Claudia.

    Mi piace

  2. si` nessun problema per i lampadari e le lampade. se sono alogene devi mettere un trasformatorino (o come avevo fatto io, avevo ordinato ad Artemide il pezzo di ricambio), se non sono alogene basta comprare un adattatore da pochi dollari e una lampadina nuova americana ( il passo delle lampadine e` uguale!)

    Mi piace

  3. Per la televisione noi ci siamo portati dietro quella comprata due anni fa dall'Italia e abbiamo solo inserito un trasformatore per la tensione (50$ su eBay)
    Il segnale della televisione e' oramai decodicficato da una scatoletta che poi a sua volta e' collegata all'antenna satellitare o al cavo telefonico (queste le due opzioni disponibili). Oggi tutti i decoder passano il segnale tramite il cavo HDMI e quindi non fa distinzione tra PAL e NTSC.
    Ci siamo portati tutto … incluso l'home theater e l'unica cosa che non funziona e' il lettore DVD se prendiamo in affitto dei DVD qui

    Mi piace

  4. E' tutto molto utile! complimenti per il post che di sicuro aiutera' tanti expat. Io devo confessare che sono partita giusto con la valigia da 23 kg perche' prima di trasferirmi in USA sono comunque stata nomade per un po', e alla fine i mobili me li sono comprati tutti su craigslist.. 🙂

    Mi piace

  5. Al punto 6: io stendo fuori, con uno stendino, ma va detto che sono a casa mia 😉
    Al punto 7: casa nostra ha i soffitti a 9ft, mi pare che le case nuove tendano ad averli cosi` ora (ma sono comunque meno dei nostri 3 metri….
    Per il resto…. noi abbiamo fatto praticamente come Giupy: partiti con le valigie e preso tutto qui (ma la qualita` dei mobili non e` la stessa che abbiamo in Italia 😦 )
    Bacio Claudia!!!!

    Mi piace

  6. Qui non esistono di spugna e men che mai con il cappuccio, oppure sono talmente pesanti che e` come se vi caricaste in spalla qualcuno. questa frase mi ha fatto troppo ridere.
    Mi incuriosisce il fatto delle salviette morbidissime…

    Mi piace

  7. Ciao Moky,
    io avevo tanti asciugamani di spugna che mi ero messa nel container arrivando negli USA… e con il tempo e` l'ascugatura nella “dryer” sono migliorati, ma rimangono sempre piu` sottili di quelli qui ( ed erano della Bassetti..quindi di buona qualita` immagino) e duri. Negli USA le spugne sono molto spesse, e non costano molto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...